Fotografie di viaggio d’annata in scena a Milano

di Valentina Bernocco
pubblicato giovedì 12 luglio 2012

Al palazzo della Triennale fino al 26 agosto è visitabile gratuitamente la mostra 1984: Fotografie da Viaggio in Italia, con un centinaio di scatti restaurati tratti dal progetto curato, 28 anni fa, da Luigi Ghirri. Un vero e proprio manifesto del ritratto paesaggistico all’italiana, e un’occasione per viaggiare nello spazio e nel tempo.

Le vacanze devono attendere, magari fino ad agosto o settembre? Per svagarsi un po’ e viaggiare almeno con la mente, la Triennale di Milano ospita da questa settimana e fino al 26 agosto una mostra dal titolo 1984: Fotografie da Viaggio in Italia, con un centinaio di opere di Luigi Ghirri e di una ventina di artisti dell’immagine a lui contemporanei. Un omaggio a colui che contribuì a definire l’estetica della fotografia paesaggistica, con un progetto da lui curato ne 1984 (l’anno da cui sono stati tratti gli scatti in esposizione) che divenne poi il manifesto della “scuola italiana di paesaggio”.

Uno scatto in mostra alla Triennale


In occasione del ventennale della morte di Ghirri, la fondazione milanese presenta per la prima volta al pubblico dopo il restauro cento degli scatti del progetto "Viaggio in Italia", a cui nel 1984 presero parte una ventina di fotografi, per la maggior parte italiani: Olivo Barbieri, Gabriele Basilico, Giannantonio Battistella, Vincenzo Castella, Andrea Cavazzuti, Giovanni Chiaramonte, Mario Cresci, Vittore Fossati, Carlo Garzia, Guido Guidi, Luigi Ghirri, Shelley Hill, Mimmo Jodice, Gianni Leone, Claud Nori, Umberto Sartorello, Mario Tinelli, Ernesto Tuliozi, Fulvio Ventura e Cuchi White.

Così il sito della Triennale presenta questa selezione di immagini: “Sono fotografie on the road, apparentemente semplici, silenziose, un po’ pensose, attente ai molti luoghi della provincia ma anche alle città: lontane dal reportage sensazionalistico, sono un invito a rivolgere lo sguardo alla quotidianità e alla normalità carica di poesia del paesaggio che ci sta intorno”. Un modo diverso dal solito per apprezzare non solo lo sguardo artistico di chi, quasi trent’anni fa, ha premuto il grilletto (senza poi appoggiarsi agli artifici del fotoritocco dei nostri giorni), ma anche per attraversare le bellezze d’Italia senza viaggiare con il corpo.


Oltre alle 100 fotografie, l’esposizione propone una serie di scatti di Giovanna Calvenzi che documentano la mostra e il convegno che si tennero nel 1984 alla Pinacoteca Provinciale di Bari, e il film di Maurizio Magri con sceneggiatura di Vittore Fossati Viaggio in Italia. I fotografi vent’anni dopo, prodotto dal Museo di Fotografia Contemporanea nel 2004 e appena ristampato per l'occasione.

Motivo in più per fare un salto in viale Alemagna 6, costeggiando il Parco Sempione: la mostra è a ingresso gratuito. Gli orari di apertura sono dalle 10.30 alle 20.30 il martedì, mercoledì, venerdì, sabato e domenica; dalle 10.30 alle 23.00 il giovedì.

 
Commenti dei lettori (0)
Trovati 0 commenti -  Mostrati da 0 a 0 - Seleziona pagina: 1
Nessun commento visualizzabile
Per postare il tuo commento devi essere loggato.Se sei già iscritto, inserisci Nome Utente e Password qui sotto.
Se non ti sei ancora iscritto, fallo subito, è gratis! L'unico dato obbligatorio è il tuo indirizzo email. Registrati.
Nome utente:
Password: