Altro colpaccio di Facebook: WhatsApp è sua

di FutureMagazine.it
pubblicato giovedì 20 febbraio 2014

Il social network ha annunciato l’acquisto del più popolare fra i servizi di instant messaging mobile, per la cifra record di 19 miliardi di dollari. WhatsApp continuerà a esistere come marchio e come applicazione indipendente.

In confronto, l’acquisto di Instagram per un “misero” miliardo di dollari è una bazzecola. Per mettersi in tasca WhatsApp – il più popolare e trasversale servizio di messaggistica mobile, utilizzato su scala planetaria dagli utenti Android, iOS e Windows Phone –  Facebook è disposta a pagare ben 19 miliardi di dollari, ovvero circa 14 miliardi di euro: l'acquisizione più onerosa di tutta la storia del social network. L’annuncio è arrivato, a sorpresa, da Mark Zuckerberg in persona sulla sua pagina personale.

Il post che annuncia l'acquisizione di WhatsApp


Il papà di Facebook ha spiegato che WhatsApp continuerà a esistere come servizio e come marchio indipendente, con la stessa logica già applicata all’indomani dell’acquisto di Instagram. Insomma non si profila, almeno per il momento, nessuna ipotesi di convergenza fra la chat di Facebook e quella di WhatsApp. Come spiegato da Zuckerberg (vedi immagine qui sopra), si tratta di due servizi complementari, che si completano a vicenda: uno è usato principalmente per parlare con i propri amici e contatti, ma è uno strumento più aperto, mentre WhatsApp serve soprattutto per parlare con persone con cui si condivide un contatto telefonico, creando conversazioni a due o piccoli gruppi.

Inoltre, mentre WhatsApp nasce sugli smartphone e per gli smartphone (o tablet), la finestra dei messaggi di Facebook è ancora principalmente ancorata alla logica del Web. Anche se è vero che negli ultimi anni la fruizione del social network è diventata sempre più mobile, e che la stessa chat ha iniziato ad assumere forme diverse, per esempio con la possibilità di inviare messaggi nella cartella che raccoglie anche gli Sms.

In ogni caso, la cifra imbarazzante dei 19 miliardi di dollari si spiega con la volontà di Zuckerberg di restare al passo con le continue evoluzioni del mobile, nonché di sfruttare la gallina d’oro dei servizi di messaggistica, oggi in forte crescita. WhatsApp conta attualmente 450 milioni di utenti e si contende proprio con Facebook il primato di applicazione per smartphone più popolare al mondo. Una curiosità: nel 2009 le risorse umane di Facebook avevano chiuso la porta in faccia proprio a Brian Acton, il cofondatore di WhatsApp, candidatosi per lavorare in quel di Menlo Park. Alla faccia della lungimiranza...

 
Commenti dei lettori (0)
Trovati 0 commenti -  Mostrati da 0 a 0 - Seleziona pagina: 1
Nessun commento visualizzabile
Per postare il tuo commento devi essere loggato.Se sei già iscritto, inserisci Nome Utente e Password qui sotto.
Se non ti sei ancora iscritto, fallo subito, è gratis! L'unico dato obbligatorio è il tuo indirizzo email. Registrati.
Nome utente:
Password: